fbpx

Vittoria, al Golden Hall lo spettacolo “L’Abisso” di Davide Enia

0

Sabato 13 aprile 2019 al Golden Hall di Vittoria ore 21, ultimo appuntamento della stagione teatrale 2018/19 con lo spettacolo L’Abisso, di Davide Enia.
Lo spettacolo sta riscuotendo un enorme successo di pubblico e critica in tutta Italia: una degna conclusione per una stagione teatrale che ha riservato molte interessanti novità.

Davide Enia spiega come è nato lo spettacolo: un’esperienza personale, un vissuto che ha lasciato il segno e che si è tradotto in uno spettacolo teatrale di rara intensità.

«Il primo sbarco l’ho visto a Lampedusa assieme a mio padre. Approdarono al molo in tantissimi, ragazzi e bambine, per lo più.
Io ero senza parole. Era la Storia quella che ci era accaduta davanti. La Storia che si studia nei libri e che riempie le pellicole dei film e dei documentari.
Ho trascorso molto tempo sull’isola per provare a costruire un dialogo con i testimoni diretti: i pescatori e il personale della Guardia Costiera, i residenti e i medici, i volontari e i sommozzatori.
Rispetto al materiale che avevo precedentemente studiato, in quello che stavo reperendo di persona c’era una netta differenza: durante i nostri incontri si parlava in dialetto. Si nominavano i sentimenti e le angosce, le speranze e i traumi secondo la lingua della culla, usandone suoni e simboli. In più, ero in grado di comprendere i silenzi tra le sillabe, il vuoto improvviso che frantumava la frase consegnando il senso a una oltranza indicibile. In questa assenza di parole, in fondo, ci sono cresciuto. Nel Sud, lo sguardo e il gesto sono narrativi e, in Sicilia, «‘a megghiu parola è chìdda ca ‘un si dice», la miglior parola è quella che non si pronuncia.
Ne L’abisso si usano i linguaggi propri del teatro (il gesto, il canto, il cunto) per affrontare il mosaico di questo tempo presente.
Quanto sta accadendo a Lampedusa non è soltanto il punto di incontro tra geografie e culture differenti. È per davvero un ponte tra periodi storici diversi, il mondo come l’abbiamo conosciuto fino a oggi e quello che potrà essere domani. Sta già cambiando tutto. E sta cambiando da più di un quarto di secolo».

Davide Enia

 

Share.

About Author

Comments are closed.