fbpx

Teatro, Giancarlo Gianni chiude a Vizzini “Le Verghiane”

0

Sarà un maestro della recitazione come Giancarlo Giannini a chiudere la 46esima edizione de Le verghiane. Giannini, uno dei più apprezzati e famosi attori italiani e internazionali, si confesserà pubblicamente domenica 16 settembre in piazza Matrice alle ore 21, dopo avere regalato alla platea di Vizzini l’interpretazione di alcuni brani tratti dalle più celebri opere di Giovanni Verga. Tutto questo, ricordando che La lupa – fra le più significative Voci di donna ispirate alla realtà contadina siciliana di fine Ottocento (1880) – fu per Giannini prova cinematografica nel 1996, sotto la regia di Gabriele Lavia, insieme a Monica Guerritore. La serata, concepita come un talk, permetterà anche di abbattere quella cosiddetta quarta parete che la scena teatrale troppo spesso erige nei confronti del pubblico. Così, il repertorio verghiano si alternerà all’intervista intima con l’artista e l’uomo Giannini, condotta dalla direttrice delle manifestazioni Giuditta Godano, durante la quale il maestro racconterà le esperienze, gli aneddoti e le zone meno esplorate della sua vita. Giancarlo Giannini reciterà e regalerà al grande pubblico una serie di brani dagli scritti di Giovanni Verga, continuando la lunga tradizione del Festival e dei suoi straordinari ospiti, per chiudere in bellezza la 46esima edizione de Le Verghiane, con estratti da I Malavoglia, Mastro don Gesualdo e, per l’appunto, La lupa. La presenza di Giannini impreziosirà un ultimo week end che già di per sé si presenta denso di iniziative e spettacoli.

Fino a domenica 16 settembre, dalle 9.00 alle 13.00 e dalle ore 15.00 alle 21.00, per “Visus” (area dedicata all’arte), si potrà visitare l’installazione d’arte contemporanea Disìo (a palazzo Trao Ventimiglia), mentre dalle 17.00 alle 21.00, sempre fino a domenica, aprirà le porte al pubblico la mostra Cumanìa (a palazzo Costa). Entrambi gli eventi sono a cura di Luca Scandura; opere di Calusca, Tamara Marino, Simon Troger e, in Cumanìa, di Claudio Cavallaro. Venerdì 14, alle 19.30 nella sala consiliare di Vizzini verrà presentato il volume Borghi di Sicilia, edito da Flaccovio editore. Ad accogliere gli autori del libro, Fabrizio Ferreri ed Emilio Messina, saranno la consulente del Museo dell’Immaginario Verghiano Margherita Riggio e l’assessore Pietro La Rocca. Interverranno all’incontro il sindaco di Vizzini Vito Saverio Cortese e la soprintendente ai beni culturali Rosalba Panvini. Sempre venerdì 14, e sempre nella sala consiliare, al termine della presentazione del volume Borghi di Sicilia, verrà presentato il docufilm Paesaggi calatini. Terre d’Africa e d’Europa di Davide Melis, selezionato dalla Commission Film Festival Internazionale del Cinema Archeologico di Rovereto. Ancora, venerdì 14, alle 20.30 in piazza Santa Teresa, per la sezione “Corpus” andrà in scena Santuzza, Lola e ‘Gna Nunzia: le donne della Cavalleria Rusticana, spettacolo di danza urbana che presenta una rilettura dei personaggi femminili verghiani. Lo spettacolo è a cura di Enrico Musmeci, soggetto e quadri scenici sono di Francesco Musmeci, musica e voce di Gabriele Ricca. Le interpreti dell’evento sono Valeria Grasso, Annalisa Di Lanno e Isabella Piazzolla. Chiuderà la serata di venerdì 14, alle ore 22 in piazza Santa Teresa la performance di videomapping L’ Architettura si fa carne e donna, a cura di Dalila D’Amico e Michele Accardo.

Sabato 15 settembre, alle 20.30 in piazza Matrice, si terrà il duetto teatrale Il Verga Milanese e la Scapigliatura, di Donatella Finocchiaro e David Coco con le musiche composte e arrangiate da Vincenzo Gangi (chitarra classica, basso elettrico e sound digital) e Costanza Paternò (chitarra classica e voce).

Domenica 16, alle ore 21.00 a largo Matrice, gran finale con Giancarlo Giannini. Il grande attore con lo spettacolo A tu per tu con Giancarlo Giannini offrirà alla platea di Vizzini l’interpretazione di alcuni brani tratti dalle più celebri opere di Giovanni Verga per poi raccontare le esperienze, gli aneddoti e le zone meno esplorate della sua vita, intervistato dalla direttrice artistica de “Le Verghiane” Giuditta Godano.

Inoltre, per attraversare con uno dei sensi cari alla tradizione mediterranea anche l’area del “gusto”, nei ristoranti di Vizzini che hanno aderito all’iniziativa sarà possibile assaporare un menù estrapolato dalle novelle e dai romanzi verghiani.

Share.

About Author

Comments are closed.