fbpx

“Qui la mamma che allatta è benvenuta”: un baby Pit Shop Unicef a Comiso

0

La mamma che allatta potrà avere uno spazio, anche nel centro cittadino, da dedicare al proprio bambino. L’iniziativa dell’Unicef approda anche a Comiso grazie alla collaborazione con l’amministrazione comunale e l’Asp. Venerdì 27 dicembre sarà inaugurato un Baby Pit Stop UNICEF presso la biblioteca comunale di Comiso. L’iniziativa del comitato UNICEF Ragusa, portata avanti dal presidente provinciale Elisa Mandarà, è stata abbracciata dal comune di Comiso ed in particolare dal sindaco Maria Rita Schembari e dal direttore generale Asp Angelo Aliquò.

Parte importante del Programma Nazionale UNICEF “Ospedali & Comunità Amici dei Bambini”, il BPS dà seguito alla promettente collaborazione tra comitato provinciale UNICEF Ragusa e comune di Comiso, che ospita quest’anno la Campagna di Raccolta Fondi Natale UNICEF e la Campagna Pigotta, destinate alle emergenze prioritarie alle quali l’UNICEF lavora nel mondo per i bambini. Il Baby Pit Stop è tra le iniziative realizzate dall’UNICEF per garantire i diritti sanciti dalla Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, in particolare l’art. 24, che tutela il diritto alla salute.

Si è individuato a Comiso uno spazio in seno alla biblioteca del comune di Comiso, in pieno centro e in area assai frequentata. La scelta del luogo, oltre a rivestire una essenziale funzione sociale, ha anche un forte valore ideale, è una ulteriore apertura delle Istituzioni ai Bambini e alle Mamme.

Con il piacere di continuare una collaborazione tra UNICEF Ragusa e ASP Ragusa, stabilita in occasione dell’apertura del primo BPS UNICEF in provincia a Ragusa e proseguita col BPS UNICEF a Scicli, aperto lo scorso 20 novembre presso il Settore II – Benessere di Comunità, e grazie al concorso del Comune di Comiso, il Baby Pit Stop UNICEF a Comiso veicola la campagna promossa dall’ASP Ragusa sulla diffusione della cultura sul latte materno. Ne ospita infatti i materiali di promozione, unitamente alle informative UNICEF.

Le prime immagini del BPS, con i lavori in progress, ci lasciano intravedere uno spazio arredato con cura e gusto, grazie alla Cooperativa Pallium, che si è offerta come sponsor, e all’Artista Salvo Catania Zingali, che ha reso disponibili particolari di sue opere pittoriche, da riportare quali immagini nei bellissimi pannelli che delimitano il BPS UNICEF.

L’inaugurazione è fissata per il 27 dicembre 2019, alle ore 11.

La data è stata scelta per uno speciale impegno delle parti, perché questo importante punto di servizio gratuito per Mamme e Bambini cada nell’anno del Trentennale della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza (CRC), il trattato sui diritti umani maggiormente ratificato al mondo, determinante nel migliorare la vita di bambini, bambine e adolescenti, ispirando i Governi ad adottare nuove leggi e stanziare nuovi fondi per aumentare l’accesso dei bambini ai servizi e godere dei propri diritti, contribuendo a cambiare la percezione sull’infanzia e l’adolescenza, garantendo a bambini e ragazzi un nuovo protagonismo.

L’apertura del BPS UNICEF, il terzo in provincia, realizzati tutti nel 2019, si inserisce così nel Programma di iniziative pianificate dal Comitato Provinciale per l’UNICEF di Ragusa dedicate al Trentennale della CRC.

Share.

About Author

Giornalista, laureata in Scienze Politiche, indirizzo storico-politico, collabora con il Giornale di Sicilia, agenzia Ansa, con la trasmissione Rai "UnoMattina - Storie Vere", con la rivista “Città Nuova”, il quotidiano on line Siciliainternazionale, il mensile “Agrisicilia”. Precedentemente, ha lavorato nelle emittenti televisive Telecittà Val d’Ippari, e20sicilia e Videouno, ha collaborato con il quotidiano on line “Il Giornale di Ragusa”, con il settimanale “Centonove”, con i quindicinali “Insieme” e “La Città”. Ha insegnato lingua italiana nella “Santa Maria Goretti Secondary School” di Tarxien (Malta). Nel 2009 ha ricevuto il “Premio giornalistico Angelo Campo”, assegnato dal Panathlon Club di Ragusa e dalla Provincia Regionale di Ragusa.

Comments are closed.