fbpx

Otto marzo a La Roche Ancienne a Scoglitti

0

8 marzo a La Roche Ancienne a Scoglitti. A curare i piatti sarà Sebastiano Lorefice, chef della scuola di Carlo Cracco, che proporrà per l’occasione un menu particolarissimo dai sapori autentici. Interpretazioni personali delle tradizioni culinarie della Sicilia per un’esplosione di gusto. A raccontare i piatti sarà lo stesso chef Lorefice. Spazio anche per i vini: la titolare di Casa di Grazia, Maria Grazia Di Francesco, introdurrà alla conoscenza della storia e filosofia produttiva della sua azienda i cui vigneti ricadono nella Riserva Naturalistica del Lago Biviere.
Sarà l’occasione per conoscere da vicino le caratteristiche dei vini in degustazione ossia l’Euphorya, Spumante Brut rosé di Frappato, l’immancabile Victorya 1607 Cerasuolo di Vittoria DOCG omaggio alla prima donna del vino degli iblei, ossia Vittoria Colonna Henriquez, e poi ci sarà il Vi Veri, il Cabernet Sauvignon DOC Sicilia nuova etichetta di Casa di Grazia. Si aprirà con delle Tartare di gambero rosso al timo, sabbia di carapace fritto, maionese di coralli e pera affogata in acqua marina. Si entrerà nel vivo della cena con un risotto mantecato al ragusano DOP, cozze, zeste di limone confit e cime di rapa. Si proseguirà poi con un Petto d’anatra, asparagi fondenti, melassa di cipolla ai frutti di bosco e buccia di patate. Infine per festeggiare la data dell’8 marzo in dolcezza sarà servita della ricotta di pecora, crumble di cannolo siciliano, cioccolato modicano e salsa di arancia amara. Il saluto finale sarà con la Grappa di Syrah “Emiryam” dell’azienda di Gela.
“Ho sempre amato la cucina – spiega Lorefice – perché mi dà l’opportunità di raccontarmi attraverso il cibo con l’intento e l’obiettivo di regalare ai miei ospiti delle emozioni. Il mare ha un’influenza importante: tutti i giorni affacciandomi dalla finestra del ristorante ne ammiro la sua infinita bellezza. E parte di essa la trasmetterò in occasione di questa cena studiata in abbinamento con i vini di un’azienda anch’essa legata al mare, le cui viti guardano al blu del mediterraneo e alla calma delle acque del Lago Biviere”.

Share.

About Author

Comments are closed.