fbpx

Il “Treno barocco” da Siracusa a Comiso. Tappa al Castello di Donnafugata

0

Il “Treno Barocco” da Siracusa a Comiso. Secondo appuntamento, dopo quello del 24 luglio, con il trenino cosidetto “centoporte”, il mitico treno in auge nei primi decenni del secolo scorso. Carrozze da tempo in disuso che Trenitalia ha recuperato, restaurato e risistemato per utilizzarle per alcuni percorsi turistici nelle principali mete dell’isola.

Le carrozze degli anni ’30 sono trainate da una locomotiva diesel D445. Il treno partirà da Siracusa alle 9, farà tappa a Donnafugata per la visita al Castello e la pranzo e alle 14,40 arriverà a Comiso. A Comiso, effettueranno un breve giro turistico, coordinato dall’ufficio turistico del comune, diretto da Maria Cassarino. Sul treno saliranno circa 230 persone, quasi il doppio dei turisti giunti a Comiso il 24 luglio. Questo perchè l’iniziativa che ha toccato anche Modica, Agrigento e Taormina ha riscosso molto successo. Il treno ripartirà per Siracusa alle 17,30. Per effettuare la manovra, dopo l’eliminazione, qualche mese fa, dei binari degli “scambi”, alla stazione ferroviaria di Comiso, il treno proseguirà fino a Vittoria. Chi lo vorrà, potrà salire sul treno per un breve percorso (circa un’ora) e provare per un breve tragitto il brivido del trenino di 90 anni fa.

Share.

About Author

Giornalista, laureata in Scienze Politiche, indirizzo storico-politico, collabora con il Giornale di Sicilia, agenzia Ansa, con la trasmissione Rai "UnoMattina - Storie Vere", con la rivista “Città Nuova”, il quotidiano on line Siciliainternazionale, il mensile “Agrisicilia”. Precedentemente, ha lavorato nelle emittenti televisive Telecittà Val d’Ippari, e20sicilia e Videouno, ha collaborato con il quotidiano on line “Il Giornale di Ragusa”, con il settimanale “Centonove”, con i quindicinali “Insieme” e “La Città”. Ha insegnato lingua italiana nella “Santa Maria Goretti Secondary School” di Tarxien (Malta). Nel 2009 ha ricevuto il “Premio giornalistico Angelo Campo”, assegnato dal Panathlon Club di Ragusa e dalla Provincia Regionale di Ragusa.

Comments are closed.