fbpx

“Il mio mare”, mostra di pittura, scultura, pirografia, fotografia a Ragusa

0

Il Centro di Aggregazione Culturale si prepara ad un altro grande evento con la mostra “Il mio mare”. La mostra, organizzata da Amedeo Fusco, sarà inaugurata sabato 27 marzo alle ore 18.30. Gli ingressi sono limitati a causa dell’emergenza Covid: sarà possibile seguire in diretta sulla pagina facebook Amedeo Fusco.  

Saranno esposte opere di pittura, scultura, fotografia e pirografia. Ogni arrista esporrà una sola opera. Espongono: Manuela Distefano, Donata Scucces, Angelo Criscione, Emanuele Bellio, Arturo Barbante, Dania Minotti, Nadia Bartolini, Adriana Schembari, Angelo Mangione, Domynat, Franco Filetti, Rita Albergamo, Annalisa Cavallo, Sal Jacono, Ivo D’orazio, Sergio Cimbali, Luisa Barrano, Antonio Bonifacio, Silvana Licitra, Beatrice Nicosia, Rosetta Raia, Lucio Morando, Enrico Guerrini, Cecilia Passeri, Demmy Avanzi, Pino Larosa, Maria Rosa Beghelli, Agostino Viviani, Lilly Loprete, Salvo Distefano, Piera Narducci, Francesco Cantarella, Sebastiano Montalto, Margarita Valldeperas, Salvatore Denaro, Roberto Trucco, Chiara Chinnici, Sebastiano Cannarella, Erzen Sylisufi, Sofia Chiara Burragato, Sabrina Boccadifuoco, Giuseppe La Rosa, Francesco Baglieri, Massimiliano Brullo, Donato Vitale, Emanuele Pace, Miciè, Adriana Iacono, Armando Sparacino, Gianfranco Brusegan, Silvano Ruffini, Rosetta Giombarresi, Mariella Mascaro, Salvatore Fratantonio, Annarita Camassa, Pamela Siciliano, Benvenuto Mauro, Pina Gennuso, Donatella De Stefano.

 «Oltre a essere elemento naturale, il mare è anche un elemento culturale – spiega Amedeo Fusco –  Può essere un confine, luogo mitologico e luogo dell’ignoto. Questo simbolo spesso rimanda all’inconscio, allo stato emotivo della persona, un misto di gioia e di speranza. Il mare è collegato a tematiche molto forti come la Donna, la Madre, la nascita, il cambiamento, la vita. Il nostro io, nel suo viaggio individualizzato, deve confrontarsi e relazionarsi con le intemperie che il destino ci pone.  Il “mare dentro” è fisicamente dentro di noi, è un riflesso di noi stessi (Melville). Il mare non ha colore di per sé, è solo un riflesso del fondo che c’è sotto e del cielo che sta sopra , per questo gli uomini e gli artisti, in particolare, ne sono affascinati».                                                                                                                             Saranno esposte opere di pittura, scultura, fotografia e pirografia, una per ogni artista:

Fusco aggiunge:  Iniziative come queste proposte dal Centro di Aggregazione Culturale servono a migliorare la vita sociale e culturale della città. La cultura, rappresentata dall’arte (letteratura, musica, cinema, fotografia, teatro, danza …) serve ad accrescere la sensibilità. Non possiamo smettere di seguire “virtute e canoscenza”. Bisognerebbe dare più spazio e più fiducia a quanti operano per la crescita di Ragusa, in particolare rivitalizzando il centro storico, a quanti con tenacia e con sacrificio mirano a nutrire con la cultura, con l’etica, con l’estetica il tessuto sociale della città».

La mostra rimarrà aperta dal 27 marzo al 15 aprile e le visite saranno consentite tutti i giorni dalle 10 alle 13 (il pomeriggio su appuntamento) domenica e festivi chiuso seguendo le norme vigenti, ingresso libero.

Share.

About Author

Comments are closed.