fbpx

“Il cielo stellato fa le fusa”, presentato a Vittoria il libro di Chiara Francini

0

La scrittrice Chiara Francini protagonista di un appuntamento live promosso dall’associazione culturale Evviva di Vittoria. La scrittrice toscana ha parlato del suo ultimo libro, pubblicato nel 2020, dal titolo ‘Il cielo stellato fa le fusa’, edito da Rizzoli. Ad intervistarla è stata un’altra scrittrice, la ragusana Costanza Di Quattro che in questo periodo sta promuovendo il suo ultimo libro “Donnafugata” e sta lavorando al suo terzo romanzo. “Il cielo stellato fa le fusa” è una storia piacevole, un romanzo dinamico, dove emerge prepotente l’ironia e l’intelligenza della scrittrice che è anche attrice di teatro e cinema. La struttura del libro ricorda il Decameron di Boccaccio, è infatti diviso in novelle. Le storie che si accavallano tra di loro e saltano periodo storici e alla fine della lettera liberano sé stessi dalla necessità di costruire un altro personaggio e finalmente riescono a vivere. La storia prende vita sulle colline di Firenze, città della scrittrice. Chiara Francini nel corso dell’incontro ha parlato, tra le altre cose, dell’importanza della curiosità per uno scrittore che significa volontà di conoscere, avere fame di conoscenza e passione per la vita. La voce narrante è quella di un gatto, Rollone, vero protagonista che vive sette vite e riesce a raccontare storie diverse. Intorno alla sua figura si intrecciano le storie. “I gatti sono creature speciali – ha detto la scrittrice –  e Rollone è il mio personaggio preferito, a loro non importa il passato ma il presente, sono  creature intelligenti ed hanno qualcosa di magico”. 

“Mi piace attingere a piene mani dalla realtà quando scrivo – ha detto ancora la Francini, rispondendo alle domande di Costanza DiQuattro – con la fantasia sono stata in tutti i posti, molti li ho visitati, altri no, ma sono vivi nella mia mente come una fotografia, non voglio che si dica che scrivo bene, ma voglio che il lettore senta ciò che sento io. La magia dello scrivere è veicolare dei messaggi e credo che un romanzo debba riuscire a toccare nel profondo il lettore”. E poi si è parlato del cibo, presente nel romanzo che è fondamentale momento di ‘convivio’, un momento che si può ben definire ‘sacro’. Il cibo per l’autrice è nutrimento del corpo e dello spirito. 
Chiara Francini è già a lavoro e sta già scrivendo un altro romanzo, i prossimi suoi impegni saranno teatrali con l’opera “Coppia aperta quasi spalancata” e con “L’amore segreto di Ofelia”, scambio epistolare tra Amleto e Ofelia, spettacolo profondamente attuale. Infine, due pagine del romanzo che sono un inno alla nostra splendida terra sono state lette al termine dell’incontro dall’autrice stessa.

“E’ un libro che si legge con leggerezza – ha detto Costanza Di Quattro, congedando il pubblico che numeroso ha seguito l’incontro – che non vuol dire banalità ma volare sulle cose e affrontarle con disinvoltura.  Il romanzo è un inno alla vita e racconta un nuovo modo di intenderla e viverla”.  Le due scrittrici si sono salutate con la promessa di rivedersi molto presto a Ragusa, promessa che Chiara Francini ha fatto anche ai membri dell’associazione culturale ÈVviva.

Share.

About Author

Comments are closed.