fbpx

I Naselli a Comiso: storia ed identità di un popolo. Un concorso per le scuole

0

Una manifestazione dedicata ai Naselli, alla famiglia nobiliare che ha legato la sua storia a quella della città di Comiso. I conti Naselli, signori di Comiso dal 1453 (data in cui i Cabrera vendettero il castello a don Periconio Naselli) hanno rappresentato una parte importante della storia della città. Il figlio, Gaspare Naselli, divenne il primo conte di Comiso. La famiglia resse la Contea fino al XVIII secolo e fu tra le protagoniste della storia siciliana, ricoprendo numerose cariche. I Naselli furono anche principi di Aragona, città dell’agrigentino da loro fondata.

Ai Naselli ed alla loro storia è stata dedicata la manifestazione organizzata dall’associazione “La Mongolfiera” di Comiso, con una conferenza del professore Nunzio Lauretta, già docente di Storia all’università di Palermo. Con lui c’era anche il professore Giuseppe Seminerio , docente all’università Kore di Enna , originario proprio di Aragona. Erano presenti anche il sindaco, Maria Rita Schembari, l’assessore Dante Di Trapani e la presidente dell’associazione, Maria Teresa Lauretta.

L amanifestazione è stata arricchita da un concorso, destinato alle scuole di Comiso. Il titolo era:  “I Naselli a Comiso: Cultura, Identità e Consapevolezza di un territorio”.

Vi hanno partecipato numerose scolaresche.

La giuria del concorso ha attribuito i seguenti premi. Per la scuola elementare De Amicis: 1 premio ex equo : scuola elementare alle classi IV C e IV D, che hanno eseguito un video su i Naselli  e due booklet , uno sul castello “Le pietre raccontano” ed uno sulla chiesa santuario dell’Immacolata,  “Le pietre parlano”.

Per la scuola Bufalino di Pedalino il primo premio ex aequo è stato assegnato alle classi I A e V A che hanno realizzato un Ebook  ed un catalogo di disegni.

Per il liceo scientifico Carducci, il primo premio è andato a Federica Romeo. Per il liceo artistico il primo premio ex aequo è andato a Claudia La Terra e Lorena Guastella, secondo premio per Elisa Di Franco e Marica Verducci, terzo premio per Clara Corallo. Gli studenti del liceo artistico hanno preparato i disegni di alcuni monili utilizzati nel tempo del Naselli.

Per l’Istituto tecnico economico è stata premiata la classe III A AFM.

La giuria ha consegnato anche degli attestati di partecipazione a Domenico Maria Pelligra, Alessia Cassano, Carla Francione , Alessandra Leni,  Sara Giannì .

La manifestazione avrà un prosieguo il prossimo 4 gennaio, con il corteo storico in costume d’epoca che partirà dalla chiesa dell’Immacolata (una chiesa legata alla storia dei Naselli perché fu loro cappella gentilizia e lì sono seppelliti il conte Gaspare e la moglie) per dirigersi verso il Castello Aragonese. Il Castello, oggi di proprietà privata, suggellerà il momento conclusivo della manifestazione.

Share.

About Author

Giornalista, laureata in Scienze Politiche, indirizzo storico-politico, collabora con il Giornale di Sicilia, agenzia Ansa, con la trasmissione Rai "UnoMattina - Storie Vere", con la rivista “Città Nuova”, il quotidiano on line Siciliainternazionale, il mensile “Agrisicilia”. Precedentemente, ha lavorato nelle emittenti televisive Telecittà Val d’Ippari, e20sicilia e Videouno, ha collaborato con il quotidiano on line “Il Giornale di Ragusa”, con il settimanale “Centonove”, con i quindicinali “Insieme” e “La Città”. Ha insegnato lingua italiana nella “Santa Maria Goretti Secondary School” di Tarxien (Malta). Nel 2009 ha ricevuto il “Premio giornalistico Angelo Campo”, assegnato dal Panathlon Club di Ragusa e dalla Provincia Regionale di Ragusa.

Comments are closed.