fbpx

Gli anarchici: ” Reddito di vita per gli esclusi, pensioni e salari raddoppiati per chi fa funzionare la società”

0

L’emergenza sanitaria da Covid-19 ha fatto esplodere le contraddizioni di classe nelle società capitalistiche; c’è una grande differenza tra starsene chiusi in una villa, o in un appartamento super attrezzato, e farlo in un modesto alloggio, o peggio in una casa fatiscente o in un monolocale da emigrati o da studenti fuori sede. E ancora più grande è la differenza tra starsene inoperosi ma con un reddito che ti copre benissimo e grazie al quale non ti fai mancare nulla, e il dover, invece, essere costretti a privarsi di quelle entrate minime che assicuravano la sopravvivenza quotidiana.

Per questo quella che stiamo attraversando è una crisi di classe, che ancora una volta sono le classi più deboli, subalterne, oppresse a subire e a pagare.

Il governo, per prevenire esplosioni sociali, i cui segnali non mancano e si fanno sempre più forti nelle periferie di città come Palermo o Napoli, e un po’ ovunque, sta stanziando somme irrisorie al solo scopo di spegnere ribellioni sul nascere e tirare avanti fino a che non si uscirà dall’emergenza. Contemporaneamente accentua i controlli di polizia e blinda città, paesi e quartieri.

Noi anarchici siamo solidali con quanti si stanno ribellando all’ordine cimiteriale del distanziamento sociale e della segregazione per rivendicare il proprio diritto alla vita.

Per molti l’emergenza non finirà con la fine dei contagi; essa durerà a lungo, anzi accentuerà i suoi caratteri di discriminazione sociale, e colpirà a fondo interi settori della società popolati da precari, disoccupati, anziani soli, migranti, detenuti, lavoratori a basso reddito, piccoli artigiani, che saranno presto raggiunti da quelle fasce di popolazione che rimarranno schiacciate dalla crisi.

Oggi dobbiamo pensare a sopravvivere, ma anche a un domani in cui si possa tutti vivere con dignità.

Non è più tempo di elemosine e assistenza. E’ tempo che paghi chi non ha mai pagato, che i ricchi vengano chiamati a sopportare il peso del disastro sociale che hanno contribuito a creare e che ha fatto ingrossare i loro profitti. E’ tempo che si dia un taglio netto alle inutili spese militari e a tutto lo sperpero di Stato in favore del profitto privato, e vengano potenziati i servizi sociali primari per la popolazione. Con il costo di un solo F-35 si potrebbero acquistare ben 7.113 ventilatori polmonari.

Non siamo in guerra, come blaterano i potenti e tutti i pappagalli che li attorniano: siamo solo immersi nelle macerie che il capitalismo ha imposto a tutti noi e ai paesi poveri.

Rivendichiamo un reddito di vita per tutti gli esclusi, e pensioni e salari raddoppiati per chi ogni giorno si è adoperato e si adopera per far funzionare la società. Sosteniamo la resistenza, la protesta, il mutualismo, l’organizzazione dal basso delle lotte.

La vera guerra è quella tra gli oppressi e gli oppressori.

Federazione Anarchica Siciliana

Foto di Christian Dorn da Pixabay

Share.

About Author

Comments are closed.