fbpx

Giornata della sicurezza sul web all’Istituto Verga di Comiso

0

Giornata della sicurezza sul web all’Istituto comporensivo Verga di Comiso. L’iniziativa ha preso il via nei giorni scorsi e proseguirà per tutto il mese di febbraio. Si affronteranno i temi della cittadinanza digitale e dell’uso consapevole dei social per i nostri ragazzi, supportando anche le famiglie che hanno il compito di seguire le giovani generazioni, vero e proprio nativi digitali. Ne hanno parlato alle classi terze della secondaria e quinte della primaria, la dirigente scolastica Maria Cafiso, il vicario e animatore digitale Gigi Bellassai e il pedagogista dell’ASP, Giuseppe Raffa. È emerso che secondo una ricerca realizzata per “Generazioni Connesse” tra studenti e studentesse italiani da Skuola.net, le Università di Firenze e La Sapienza di Roma, sei adolescenti su 10 dichiarano di passare più di cinque ore al giorno connessi. Solo 12 mesi fa erano tre su 10 e un ragazzo su cinque si dichiara “Sempre connesso”. La giornata mondiale di quest’anno per il Ministero della Pubblica Istruzione “assume una valenza ancor più significativa: l’emergenza sanitaria ha inciso sulle abitudini degli adolescenti italiani e, in particolare, sull’approccio al mondo virtuale e al digitale. La comunità scolastica italiana ha offerto risposte tempestive ed efficaci, riorganizzando le attività formative con soluzioni innovative anche attraverso forme di Didattica digitale integrata (Ddi), mettendo al centro di una nuova ‘alleanza’ la sinergia con famiglie, imprese e istituzioni. Per quanto riguarda la sicurezza con accesso illimitato e non controllato a Internet, i più giovani potrebbero imbattersi in contenuti inappropriati o accedere a siti malevoli che possono infettare il pc con malware, fornendo ai criminali informatici l’accesso a informazioni sensibili e violazione dei dati, rilevano gli esperti di sicurezza informatica di Sophos, che consigliano ai genitori di utilizzare sistemi domestici che consentano il parental web filtering per controllo dei contenuti a cui bambini e ragazzi possono accedere dal computer e di sfruttare al meglio le funzionalità del motore di ricerca per limitare l’accesso ai siti web per adulti: non sono efficaci al 100% ma riducono la probabilità che sullo schermo compaiano risultati inappropriati. Su questi temi le azioni formative proseguiranno nelle prossime settimane coinvolgendo tutti gli ordini.

Share.

About Author

Comments are closed.