fbpx

Donnalucata, trovato un raro “pesce nastro”, consegnato al Museo di Comiso

1

Un “Pesce Nastro” nel Museo di Storia naturale di Comiso. Un Trachipterus trachypterusè stato ritrovato spiaggiato a Donnalucata ed è stato consegnato al Conservatore del museo, Gianni Insacco.

Il Pesce Nastro, lungo circa 80 centimetri, è stato segnalato al  conservatore del Museo Civico di Storia Naturale di Comiso Gianni Insacco da Lino Buscema, pescatore della Cooperativa “U Scaru” di Donnalucata e dal maresciallo Salvatore Galfo, dell’Enal Caccia. E’ una specie rara perchè vive nelle profondità marine e, per la prima volta, viene avvistato nella costa.

“Il  Trachipterus trachypterus è una specie  non frequente nei nostri mari – ha detto Insacco -. Bene hanno fatto pertanto i signori Buscema e Galfo a informare il museo della presenza di questo particolarissimo pesce. L’esemplare sarà utilizzato per l’allestimento della “Sala degli Abissi” del museo comisano insieme ad altri reperti di profondità, batiali e batipelagici. Negli ultimi anni, il numero di segnalazione di presenze di pesci rari nei nostri mari da pescatori e diportisti. Questo permette al museo di arricchirsi di nuovi reperti e di trarre utilissime informazioni, spesso inedite, sulla fauna ittica che affolla i nostri mari con gran giovamento per la ricerca scientifica”

Share.

About Author

Giornalista, laureata in Scienze Politiche, indirizzo storico-politico, collabora con il Giornale di Sicilia, agenzia Ansa, con la trasmissione Rai "UnoMattina - Storie Vere", con la rivista “Città Nuova”, il quotidiano on line Siciliainternazionale, il mensile “Agrisicilia”. Precedentemente, ha lavorato nelle emittenti televisive Telecittà Val d’Ippari, e20sicilia e Videouno, ha collaborato con il quotidiano on line “Il Giornale di Ragusa”, con il settimanale “Centonove”, con i quindicinali “Insieme” e “La Città”. Ha insegnato lingua italiana nella “Santa Maria Goretti Secondary School” di Tarxien (Malta). Nel 2009 ha ricevuto il “Premio giornalistico Angelo Campo”, assegnato dal Panathlon Club di Ragusa e dalla Provincia Regionale di Ragusa.

1 commento

Leave A Reply