fbpx

Davide Migliorisi: “Vi spiego il Taijiquan, un’arte sottile”

0

Il Taijiquan non è un semplice sport: va oltre, è un’arte, è qualcosa di sottile e profondo. E’ un viaggio dentro sé stessi e per questo motivo è tanto difficile quanto affascinante. Il Maestro Davide Migliorisi, titolare della scuola Arti D’Oriente e Commissario Tecnico ITKA, reduce dei successi ottenuti dai suoi due allievi ai Campionati Italiani Fiwuk che si sono svolti a Catania, ci parla di sé e di una disciplina antica di centinaia di anni.

Chi è Davide Migliorisi?

“Davide Migliorisi, oltre ad essere un appassionato di arti marziali, è anche un fermo praticante di Taijiquan. Nella mia vita ho svolto un cammino a ritroso sulle arti marziali tradizionali ed antiche, ho cercato e trovato il mio maestro. Negli anni ’90 ho portato concretamente le arti marziali cinesi del “Wushu” nella provincia di Ragusa, anni di grande improvvisazione e autodidattismo, dove le uniche realtà “sostenibili” erano, judo, karate, taekwondo. C’era ancora il mito dei film di Bruce Lee, fonte di grande ispirazione nelle invenzioni dei maestri dell’epoca”.

Lei è un Maestro di Taijiquan. Cosa possiamo dire di questa disciplina?

“Il Taijiquan è un’antica arte marziale cinese che riesce a connettere in sé tutti gli aspetti: da quello marziale a quello filosofico, da quello culturale a quello salutistico. E’ un’arte marziale che contempla diverse sfaccettature. Personalmente, ho sempre creduto in una Scuola che trasmetta sinceramente i principi fondamentali del Taijiquan ed è così che quindici anni fa è nata la Scuola Arti D’Oriente che oggi conta due sedi, una a Ragusa e una Chiaramonte Gulfi”.

Che cosa significa essere un Maestro di Arti Marziali?

“Io ho sempre sostenuto che un Maestro di Arti Marziali ha delle responsabilità verso sé stesso, gli studenti e la società, tutti dovremmo avere un maestro interiore e fisico che ci possa illuminare nel cammino; fare il Maestro non può e non deve essere un ripiego economico o un hobby (al massimo si può collaborare, si può essere un allenatore). Essere un Maestro significa professione, cultura, studio, competenze e grande conoscenza di sé. Un maestro deve essere il primo praticante, in quanto noi insegniamo in base alla nostra esperienza, al nostro sapere, alla nostra intuizione. Solo così si possono vedere fiorire negli studenti reali qualità di apprendimento, abilità e passione per ciò che si trasmette”.

Share.

About Author

Comments are closed.