fbpx

Da Camarina a Caucana: Siracusa, si presenta il libro di archeologia di Paola Pelagatti

0

Da Camarina a Caucana: ricerche di archeologia siciliana. Al museo paolo Orsi di Siracusa, il 10 gennaio, si presneta il libro dell’archeologa (originaria di Bologna) Paola Pelagatti. Pelagatti, dallo scorso anno, è cittadina onoraria di Ragusa, ha lavorato per lughi anni alla Sovrintendenza di Siracusa, competente anche per il territorio ibleo. Ha scavato e condotto degli studi a naxos e Camarina ed è considerata una tra le più alte conoscitrici della Storia della Magna Grecia. Dopo gli anni siciliana, è stata Sovrintendente in Piemonte, oltre che docente universitaria. Oggi è in pensione, ma non ha mai cessato l’attività di ricerca e di promozione culturale, consegnata ai posteri anche tramite il libro che sarà presentato a Siracusa.

Sarà presente l’assessore regionale Vittorio Sgarbi, la dirigente generale dell’assessorato, Maria Elena Volpes, il direttore del Polo museale di Siracusa, maria Musumeci, il sindaco di Siracusa, Giuseppe Garozzo, il sovrintendente emerito di Siracusa, Giuseppe Voza, il direttore del Polo museale di Camarina, Giovanni Distefano, Giorgio Chessari, presicdente del Centro Studi Feliciano Rossitto di Ragusa, nonché ex sindaco di Ragusa.

Share.

About Author

Giornalista, laureata in Scienze Politiche, indirizzo storico-politico, collabora con il Giornale di Sicilia, agenzia Ansa, con la trasmissione Rai "UnoMattina - Storie Vere", con la rivista “Città Nuova”, il quotidiano on line Siciliainternazionale, il mensile “Agrisicilia”. Precedentemente, ha lavorato nelle emittenti televisive Telecittà Val d’Ippari, e20sicilia e Videouno, ha collaborato con il quotidiano on line “Il Giornale di Ragusa”, con il settimanale “Centonove”, con i quindicinali “Insieme” e “La Città”. Ha insegnato lingua italiana nella “Santa Maria Goretti Secondary School” di Tarxien (Malta). Nel 2009 ha ricevuto il “Premio giornalistico Angelo Campo”, assegnato dal Panathlon Club di Ragusa e dalla Provincia Regionale di Ragusa.

Comments are closed.