fbpx

Braccianti agricoli dimenticati: protesta del sindacato Sifus Confali

0

Singolare iniziativa del Sifus Confali che ha deciso di inviare una propria nota a tutti i Prefetti d’Italia i quali rappresentano il Governo nelle province italiane. In questa nota a firma del segretario generale del sindacato nazionale Maurizio Grosso si contesta il decreto legge “sostegni” nel quale “non è stato previsto alcunchè di intervento economico a favore dei lavoratori agricoli. Il nostro obiettivo è quello di stimolare, attraverso l’auspicato intervento dei Prefetti,  il Governo nazionale a rivedere la propria posizione inserendo gli opportuni ristori anche per i braccianti agricoli, di cui non si tiene conto che per loro sono aumentati notevolmente i loro bisogni oggettivi, derivanti da una riduzione significativa di giornate di lavoro registratasi nel 2020, a causa della pandemia da Covid 19. E mi riferisco non solo alla perdita di 25 o 30 giornate medie ciascuno, ma anche di parte di quei contributi assistenziali e previdenziali ad esse connesse. In verità –sottolinea rammaricato Maurizio Grosso– ci aspettavamo che il Consiglio dei Ministri, prima di dare l’ok definitivo al Dl ‘sostegni’, potesse rivedere la propria posizione al fine di poter inserire un bonus rivolto ai lavoratori agricoli. Così non è stato, tanto da chiederci tutti se i braccianti sono considerati lavoratori di serie B, senza famiglia e senza problemi economici? Se fosse così… sarebbe veramente molto grave! Soprattutto perché abbiamo visto che il Governo li ha proprio lasciati fuori da tutti quegli aiuti che (giustamente, come lo sarebbe stato per i braccianti) sono stati destinati alla cassa integrazione, alle nuove indennità a favore dei lavoratori stagionali non agricoli, ai precari dello sport e dello spettacolo, al rinnovo e al rifinanziamento del reddito di emergenza, agli enti locali e al trasporto pubblico, alla sanità e ai vaccini. Ecco che allora siamo ancora più legittimati, noi del SIFUS CONFALI, a far sentire la nostra voce per tutelarli e per fare in modo che abbiano il sacrosanto diritto di poter godere anch’essi di queste risorse, come gli altri lavoratori. Il Governo Draghi –aggiunge Maurizio Grosso– non può considerare i braccianti agricoli soggetti invisibili anche per il ruolo fondamentale che essi svolgono a supporto del nostro agroalimentare. Per queste ragioni abbiamo sollevato il problema e lo abbiamo segnalato a tutti i Ministri, al Presidente del Consiglio, a tutte le forze politiche e adesso pure ai Prefetti, espressione del Governo nei territori di loro competenza,dei quali conoscono tutte le problematiche che attanagliano chi ci vive, chi ci lavora e chi fa impresa. Pertanto -conclude il Segretario Generale del sindacato nazionale SIFUS CONFALI– una risposta chiara e vogliamo delle spiegazioni, non solo noi del SIFUS CONFALI, ma soprattutto le migliaia di lavoratori che prestano in Italia la loro opera nel settore dell’agricoltura, come i braccianti agricoli, che non vanno né ignorati e né dimenticati dal Governo.”

Share.

About Author

Comments are closed.