fbpx

Antica Trasversale Sicula, progetti di storia e turismo nell’assemblea di Villarosa

0

L’Antica Trasversale Sicula ed i suoi progetti per il futuro. A Villarosa (Enna) si è svolta la seconda assemblea regionale delle associazioni siciliane per l’Antica Trasversale Sicula. Vi hanno partecipato 25 associazioni, provenienti da tutto il territorio isolano. Ospiti del comune di Villarosa, all’interno del Palazzo municipale, l’intera mattinata è stata dedicata alle esperienze maturate in questi anni da chi, radicato nel proprio territorio, ha saputo conservare e raccontare peculiarità storiche, archeologiche, naturalistiche ed antropologiche dei propri luoghi.

Peppe De Caro e Tano Melfi dell’Associazione Trasversale Sicula hanno salutato i numerosi intervenuti esponendo le ultime novità legate al percorso che da Kamarina (nel ragusano) attraversa 37 comuni e arriva fino a Mozia (nel trapanese), proponendo altresì una serie di azioni che possano facilitare il raggiungimento degli obiettivi in sinergia di tutte le associazioni aderenti alla rete.

Dopo i saluti, a nome dell’intera Amministrazione comunale, del sindaco Giuseppe Fasciana e dell’assessore Lucio Notarrigo, il presidente dell’associazione Trasversale Sicula ha donato alla biblioteca cittadina una copia del libro su Kamarina scritto da Biagio Pace e ristampato a cura del Rotary Club di Vittoria. Ad aprire gli interventi è stato Antonino Montalbano, presidente dell’associazione “Vivere Slow” di Contessa Entellina (PA), che ha subito accolto l’invito alla cooperazione per l’Antica Trasversale Sicula. Montalbano ha proposto l’istituzione di un tavolo permanente tra le associazioni siciliane al fine di elaborare assieme le migliori strategie di interventi nei territori attraversati da questo importante “cammino nella storia” di Sicilia.

Un ulteriore incentivo è quello offerto da Giuseppe Mazzotta del “WWF Sicilia – A.O. Area Mediterraneo” il quale ha confermato il patrocinio al progetto Trasversale Sicula, ritenendolo ancora una volta “meritevole di attenzione per lo spirito con cui è nato e si sta evolvendo”. Roberto Patanè della Pro-Loco di Mascali (CT) ha portato i saluti del Presidente nazionale dell’UNPLI (Unione Nazionale delle Pro-Loco d’Italia) Nino La Spina ed ha ufficializzato ai presenti l’inizio di una proficua collaborazione tra l’associazione Trasversale Sicula, la Pro-Loco nazionale e le numerose Pro-Loco presenti nel territorio siciliano. Anche l’AIPIN (l’Associazione italiana per l’Ingegneria naturalistica) con Gianluigi Pirrera ha confermato il patrocinio ed il proseguio della proficua collaborazione di questi ultimi anni.

Numerosi gli altri interventi, tra cui quello di Maria Chiara Graziano della Pro-Loco di Villarosa, di Gianluca Rosso dell’associazione “Hisn Al Giran” di Calascibetta che da anni gestisce il “Villaggio Bizantino” di C.da Canalotto e che si è detto pronto, a nome di tutta l’associazione, a contribuire al tavolo permanente per la Trasversale Sicula. E poi ancora Maria Cassarino e Guglielmo Ferrano del “CAI” (Club alpino italiano) di Ragusa che hanno proposto una passeggiata, da realizzarsi entro l’estate, sul tracciato della Trasversale che da Comiso (RG) porta a Chiaramonte Gulfi.

L’incontro cominciato intorno alle 10,30 nell’aula consiliare comunale è proseguito sino alle 13 con gli interventi di: Francesco Adragna, presidente dell’associazione “Bosco Angimbè” di Calatafimi-Segesta (TP); di Paolo Totò Bellone del Club UNESCO di Enna che assieme a Cinzia Suriano del Club UNESCO di Palermo, già nostro importante partner da mesi, sta lavorando ad una rete di Club Unesco siciliani per l’Antica Trasversale Sicula; del geometra Trapani della costituenda associazione regionale “Amici delle miniere e dei minatori”; di Giuseppe Messina dell’associazione ecomuseale “Terra delle Dee” di Enna; di Stefania Greco dell’associazione “Kalat Scibet”, ottimo esempio di fattoria didattica del centro Sicilia; di Gisella Collura dell’associazione “Sicanamente” di Prizzi (PA); di Marco Gangi di “Chiodo di Alimena”; di Carmelinda Pane dell’associazione “Morsi d’Autore” di Calascibetta (CL); della Pro-Loco di Alimena (PA).

Interessante anche il racconto sulle antiche vie di comunicazione del territorio di Villarosa fatto da Paola Calabrese, esperta del Comune di Villarosa. La stessa nel pomeriggio, assieme agli amministratori, ha accompagnato il gruppo in una visita al Museo etno-antropologico di Villarosa, tornato recentemente agli antichi splendori. Dopo la pausa pranzo offerta dall’Amministrazione Comunale, i lavori sono ripresi nel pomeriggio per un’altra ora.

Laura Sabatini ed Eleonora Di Giorgi dello staff Trasversale Sicula hanno illustrato il prossimo evento dedicato all’Antica Trasversale Sicula che si svolgerà nella Valle del Belice il prossimo 21 e 22 aprile ed anticipato sulla conferenza sulla Trasversale Sicula che si terrà il prossimo 25 e 26 maggio a Palermo, nella splendida cornice di Palazzo Riso, momento importante e conclusivo sulla mappatura, promosso e realizzato con il fondamentale contributo del Club UNESCO di Palermo.

Al termine dell’assemblea si è deciso di creare  un tavolo permanente per l’Antica Trasversale Sicula che possa esaltare ed unire le tante esperienze associazionistiche isolane, al fine di portare a compimento nel minor tempo possibile la fruibilità dell’intero tracciato di oltre 600 km che, non v’è dubbio, potrà diventare il traino per la rinascita economica e sociale di interi territori.

All’incontro hanno aderito (pur se non presenti) le associazioni “Al Vecchio Kassaro” di Castronovo di Sicilia (PA), “Grotte Alte” di Vittoria (RG), le “Giacche Verdi” di Sicilia, l’associazione “Valguarneresi nel Mondo” di Valguarnera Caropepe, il Comune e la Pro-Loco di Barrafranca e la Pro-Loco di Calascibetta.

 

Share.

About Author

Comments are closed.