fbpx

1° Himera Rally, dalla “serpentina” di Termini Imerese a Caccamo

0

Un appuntamento di punta dell’automobilismo siciliano: il 1° Himera Rally in programma il 7 ed 8 luglio ssulle strade di Termini Imerese. Vi parteciperanno moltissimi piloti, provenienti da quasi tutte le province della Sicilia, alla guida di vetture di grande prestigio.

Complessivamente una settantina gli equipaggi pronti a darsi battaglia, già sabato 7 luglio, al via della spettacolare ed insidiosa prova speciale inaugurale della competizione auto, ospite lungo la cosiddetta “Serpentina”, l’arteria che collega Termini Imerese Bassa a Termini Imerese Alta, 1,15 km di pura adrenalina. Il 1° Himera Rally entrerà nel vivo sempre sabato, nelle ore mattutine, quando concorrenti e vetture si sottoporranno alle verifiche tecniche e sportive. In serata, ancora sabato, si svolgerà la cerimonia di partenza, ancora a Termini Imerese, che precederà la citata prova speciale spettacolo “Serpentina”, sulla quale è annunciato il pubblico delle grandi occasioni. Le rimanenti 8 prove speciali si disputeranno invece domenica 8 luglio, su alcune tra le “leggendarie” strade “Tempio” della Targa Florio degli anni d’oro, sulle Madonie, con arrivo e premiazione, nel tardo pomeriggio, alle falde del magnifico Castello medievale di Caccamo.

Il 1° Himera Rally, valevole quale prova del prestigioso Trofeo Rally Sicilia 2018 concepito dal Comitato regionale AciSport, vede inoltre abbinati il 1° Trofeo dei Quattro Castelli “Himera Historic Rally”, dedicato alle Autostoriche da competizione ed il 1° Historic Madonie, riservato alle auto d’epoca, secondo il nuovo regolamento AciSport con sfida di Regolarità a media.

A coordinare la complessa macchina organizzativa è l’Automobil Club Palermo presieduto da Angelo Pizzuto, al quale si aggiungono in stretta sinergia logistica e tecnica il Team Palikè Palermo coordinato da Anna Maria Lanzarone, da Nicola, Dario e Roberto Cirrito, la Scuderia Himera Corse del presidente Mario Rotolo e del suo vice Filippo Indovina  e la Targa Racing Club Cerda, capitanata da Vincenzo Russo ed animata dal cerdese Totò Riolo, tre volte vincitore della Targa Florio, nel 2018 primo al Rally dei Nebrodi.

Fondamentale, al riguardo, sarà il patrocinio assicurato, con notevole partecipazione ed interesse, dai Comuni di Termini Imerese, Caccamo, Sciara, Cerda, Caltavuturo e Scillato, le cui rispettive amministrazioni hanno deciso di “puntare forte” anche su questo importante evento motoristico quale ulteriore occasione di rilancio turistico per le Madonie e le sue aree limitrofe. Indispensabile, inoltre, il sostegno della Regione Siciliana, così come quello della Città Metropolitana di Palermo (è l’ex Provincia Regionale), il cui staf è coordinato da Giovanni Costanza.

Una sfida agonistica, quella prevista sulle Madonie, che vedrà impegnata, tra gli altri, la famiglia Riolo al completo. Totò si schiererà tra i possibili favoriti del rally, con la confermatissima Peugeot 208 T16 R5 della I.M. Motorsport coordinata da Ignazio Megna, la stessa con cui l’asso cerdese, portacolori Cst Sport, ha conquistato il secondo posto assoluto nel recente Rally di Caltanissetta valido per la Coppa Italia. Il figlio Ernest Riolo avrà affidata un’altra Peugeot 208, sebbene in versione Vti R2B. Una lotta di sicuro “appeal” la si dovrebbe vivere tra le Super 1600, con la presenza del palermitano Riccardo Arceri (su Renault Clio S1600) e dell’ex campione siciliano di categoria, il messinese Giuseppe Alioto, a sua volta alla guida della consueta Fiat Punto S1600.

A contendersi la “palma” in classe N4 dovrebbero essere, tra gli altri, gli esperti palermitani Matteo Di Sclafani (su Subaru Impresa Sti N12) ed Onofrio Buttitta (con la Mitsubishi Lancer Evo VI, vettura con alcuni anni sulle spalle, ma pur sempre dai grandi fasti rallystici). Attesissimo al debutto con la potente Mitsubishi Lancer Evo X della Lb Tecnorally sarà inoltre il locale Filippo Indovina, vice presidente della Himera Corse.

Tra i “favoriti ci sono anche i velocissimi “devils” nisseni Roberto Lombardo ed Alessio Spiteri, con l’’attempata’, sebbene ancor competitiva Renault Clio Williams della Caltanissetta Corse, recenti quarti assoluti al Rally di Caltanissetta del 24 giugno scorso, nonché vincitori della 102a Targa Florio nella sezione riservata al Campionato regionale.

Nutrita la presenza di piloti locali, tra cui il “figlio d’arte” Under 23 Giuseppe Gianfilippo, di Caccamo, con la Citroen Saxo Vts di classe A6. A timbrare il cartellino di presenza anche Filippo Monteleone, sfortunato al Rally di Caltanissetta, pronto a risalire sulla sua Renault Clio Rs di classe N3. Tra i piloti di Termini Imerese, un gradito ritorno alle gare anche per Enzo Sottile, su Peugeot 306 Rallye di classe N3.

Si annuncia molto ricco in termini quantitativi e qualitativi anche il 1° “Trofeo dei Quattro Castelli”, con la presenza delle splendide Porsche 911 affidate nel 3° Raggruppamento ai palermitani Natale Mannino, Ciccio La Franca, Sandro Filippone e Mauro Lombardo (secondo classificato nel recente Historic Rally di Caltanissetta) e dell’altrettanto prestante Bmw 2002 Tii dell’altro palermitano Angelo Diana. Nutrita la schiera dei piloti imeresi, capitanati da Cristadoro e Marin, con la Lancia Fulvia Coupé, mentre non poteva mancare nemmeno l’esperto Quintino Sanfilippo, della vicina Caccamo, con al fianco la figlia Monia, con la sempre ammirata Alfa Romeo Alfetta Gtv.

Share.

About Author

Comments are closed.