Pasqua a Enna: la “paci”, con le confraternite SS. Salvatore e San Giuseppe

0

Domenica di Pasqua a Enna. Le confraternite, che hanno animato i riti della Settimana Santa e soprattutto del venerdì santo, sono le protagoniste del rito della “paci”. Nel giorno di Pasqua, nel pomeriggio, si svolge l’incontro trionfale dei due simulacri di Gesù Risorto e della Vergine Maria. La confraternita di San Giuseppe ha in custodia il simulacro della Madonna mentre quello del Cristo Risorto è portato dalla Congregazione del SS. Salvatore. L’incontro tra i due simulacri, in un clima di festa, si svolge nel centro storico di Enna, davanti al Duomo. Domenica prossima (domenica in Albis) è previsto il rito della “Spartenza”, cioè il saluto tra i due simulacri che si allontanano.

La terminologia della festa di Pasqua a Enna ha similitudini con quanto accade in altre città siciliane. A  Comiso, la festa di Pasqua è carraterizzata dal rito della “paci” (incontro tra i due simulacri del Cristo Risorto e della madonna, accompagnato dal canto del Regina Coeli dei due angioletti situati ai piedi dei due simulacri); a Caltagirone, dopo l’incontro di Pasqua, avviene la “spartenza”, momento in cui i simulacri si dividono e fanno rientro nelle loro chiese di origoine e che conclude i festeggiamenti della Pasqua.

I riti della Settimana Santa di Enna sono Patrimonio Culturale Immateriale UNESCO.

(foto dalla pagina: i riti della Settimana Santa a Enna, Ester D. Photography)

Share.

About Author

Comments are closed.