Progetto “Libriamoci”: il sindaco di Vittoria legge le favole per gli alunni della scuola

0

Progetto “Libriamoci” nella scuola elementare “Lombardo Radice”. Dal 23 al 27 ottobre i giovani alunni della seconda D si sono confrontati con le “favole”: favole lette e proposte loro da alcuni adulti. Nella scuola vittoriese si sono susseguiti una serie di “lettori d’eccezione”: tra gli altri l’editrice Sonia Baglieri, che ha letto la leggenda di “Colapesce” (molto nota a napoli e in Sicilia) ed il sindaco, Giovanni Moscato, che ha proposto ai giovani studenti la favola “Il brutto anatroccolo”, di Hans Christian Andersen.

Questa speciale attività, che ha attirato l’attenzione e l’interesse dei bambini, è stato realizzato nell’ambito del progetto “Libriamoci”, promosso nella scuola “Caruano” dalle docenti Rosa Perupato, Delia Donzelli, Fabiola Scifo e Gaetano Brullo, del plesso Lombardo Radice.

“Vari lettori speciali – spiega Rosa Perupato – si sono succeduti per tutta la settimana leggendo le favole insieme ai bambini, suscitando curiosità, entusiasmo ed ionterventi spontanei, anche su vissuti personali. E’ stata un’idea vincente poichè gli alunni hanno potuto constatare che l’amore per la lettura e per i libri può essere di tutti al di là dell’età e della professione”.

Nel corso dell’incontro con il sindaco, la favola del “brutto anatroccolo”, l’escluso che si riscatta, ha dato l’occasione anche per parlare di bullismo. “Il sindaco ha aiutato i ragazzi con esempi concreti – racconta uno dei genitori, Daria Miccichè – ha chiesto ai ragazzi se si sono mai sentiti diversi o se hanno considerato un compagno diverso. I bambini hanno dialogato a cuore aperto ed il sindaco ha raccontato delle sue esperienze personali”. Il sindaco ha invitato gli alunni a riferire e raccontare sempre ad un adulto (ed a scuola agli insegnanti) eventuali episodi cui assistono. “I bambini sono eccezionali – haesclamato Moscato – per me è stata una boccata d’ossigeno nelle giornate sempre piene di problemi. Sono padre di un bambino della loro età e mi sentivo sindaco, ma anche padre. Il dialogo è stato bellissimo. I bambini sentono molto i temi della legalità e dell’uguaglianza, li vivono in modo naturale. Le loro domande, i loro commenti hanno rivelato un dialogo molto maturo”

Share.

About Author

Giornalista, laureata in Scienze Politiche, indirizzo storico-politico, collabora con il Giornale di Sicilia, agenzia Ansa, con la trasmissione Rai "UnoMattina - Storie Vere", con la rivista “Città Nuova”, il quotidiano on line Siciliainternazionale, il mensile “Agrisicilia”. Precedentemente, ha lavorato nelle emittenti televisive Telecittà Val d’Ippari, e20sicilia e Videouno, ha collaborato con il quotidiano on line “Il Giornale di Ragusa”, con il settimanale “Centonove”, con i quindicinali “Insieme” e “La Città”. Ha insegnato lingua italiana nella “Santa Maria Goretti Secondary School” di Tarxien (Malta). Nel 2009 ha ricevuto il “Premio giornalistico Angelo Campo”, assegnato dal Panathlon Club di Ragusa e dalla Provincia Regionale di Ragusa.

Comments are closed.